Corso professionale SEO per lo sviluppo di un blog aziendale a Milano


Undici falsi miti su Google ovvero come farsi trovare su internet

Obiettivi

• Introdurre alle logiche dei motori di ricerca;
• Comprendere come queste impattino sul nostro sito;
• Leggere i dati della web-analytics per ottimizzare le pagine e rendere più efficace il SEO;

Il corso sarà organizzato in un laboratorio pratico di adozione delle tecniche SEO teso allo sviluppo di un blog aziendale.

• Allargare lo sguardo per farsi trovare sulle piattaforme digitali.

 

Parte A Cambiano i media, cambia il business. L’importanza di farsi trovare sulla Rete.

• Cambiamento del panorama media: come sta cambiando la fruizione dei mezzi a seguito della diffusione della Rete e del Mobile;

• Le tre parole chiave del biennio 2012-2013: “Social, local e mobile”. Quali modelli sottendono e con quali numeri.

Parte B Undici falsi miti su Google (e dintorni).

• “Un sito è una vetrina”. La precondizione per ogni attività di marketing digitale. Tracciare tutto ciò che accade con la web-analytics. Utilizzare Analytics (ciò che dice, ciò che non dice) per ottimizzare le pagine e rendere più efficace il SEO;

• “Occorre pagare Google per essere in cima ai risultati”- L’indicizzazione nei motori di ricerca. Il SEO: tecniche, buone pratiche, casi di successo;

• “E’ determinante essere primo su Google”. Scegliere correttamente gli obiettivi di una strategia digitale;

• “L’importante è inserire le parole chiave giuste”. Differenza fra attività on-site e off-site;

• “Più link si hanno, meglio è”. Come fare link building alla luce di Google Penguin;

• “Il SEO si fa con i contenuti”. L’ascesa delle immagini e di Pinterest;

• “Facebook non serve per il SEO”. Il ruolo dei social media per l’indicizzazione. Come usarli al meglio;

• “Google+ è un flop”. Come Google sta introducendo la social search;

• “Il SEO serve solo per i motori di ricerca”. Come le regole dell’indicizzazione servono in ciascun marketplace entro il quale si vuole essere inseriti;

• “Il blog aziendale è inutile”. Il ruolo dei contenuti per conquistare la parte sommersa dell’iceberg rappresentato dal nostro mercato. Le piattaforme di content curation;

• “Se un utente non compra, allora è un contatto perso”. Come gli utenti possono aiutarci nel farci trovare e nel migliorare la nostra reputazione online. Customer communities e crowdsourcing.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *